HOME - SCIENZA - ANTROPOLOGIA - RELIGIONE - FISICA - PARANORMALE - GENETICA -  BIOLOGIA - FILOSOFIA - LA MENTE UMANA - PSICOANALISI - NEWS
 

 

 
 

 
 
 
     
   

 
 

TITOLO

Maggio 2006 - Fonte:

Un antico europeo nel cuore dell'America

I vichinghi e i normanni.

Argomenti Scientifici
Commenti personali

Teoria della Relatività

 

Sin da bimbo ero appassionato di astronomia, ed a un certo punto inevitabilmente ho scoperto l'esistenza di una teoria in proposito:  la Teoria della Relatività Generale. Appena adolescente comprai un libro sulla relatività, e dopo averlo letto e riflettuto a lungo gli argomenti, credo di averne afferrato il concetto ma poco dopo, con il passare del tempo mi sembra che la TRG sia una forma di teoria più "ottica" che realistica, ovvero tutti i suoi calcoli sono giusti ma credo che viene interpretata in modo concettualmente sbagliato, e in modo sbagliato adattata alla realtà del mondo della fisica, e soprattutto con il passare degli anni e con l'avvenire di nuove scoperte e acquisizione di nozioni si è sempre più rafforzata la mia convinzione, e che cioè la teoria è avvertita tra gli scienziati in modo concettualmente sbagliato.

Mi devo spiegare necessariamente meglio ed espletare in modo più espressivo possibile le mie ragioni e perplessità sui fondamenti su cui si basa la teoria e sui suoi fattori:

- Le onde elettromagnetiche: si propagano a 299.792.458 km/s, in modo costante, e cioè la velocità della luce relativa a qualsiasi osservatore si propaga sempre alla stessa velocità indipendentemente dalla velocità dell'osservatore, ovvero non è cumulabile e la cosa che varia è che di volta in volta a seconda della velocità dell'osservatore si entra in una diversa dimensione di spazio/tempo. Ciò secondo me è assurdo; in realtà un osservatore...

- Credo all'esistenza di un "bagno" di particelle subnucleari che permettono la propagazione della "luce", la velocità è si costante, ma la densità varia a seconda della regione dell'Universo in cui ci si trova (nella nostra regione dell'universo la velocità è quasi 300mila chilometri al secondo) e di conseguenza in diverse regioni dello spazio la velocità della luce è diversa, in ragion per cui la velocità della luce è direttamente proporzionale alla densità del "bagno" della regione dello spazio in cui si trova.

...Credo che siamo immersi in un autentico bagno di particelle subnucleari, il quale "bagno" permette la propagazione delle onde elettromagnetiche e che osservazioni relative ad esso porta ai risultati della meccanica quantistica. Il "bagno" in cui è immerso il nostro universo conosciuto è una sorta di "polvere" derivante dall'esplosione iniziale ("Big Bang") che coincide con la nascita dell'Universo, allo stesso modo della polvere causata dall'esplosione di una carica di esplosivo.

17 dicembre 2013           

La TRG è una teoria delle osservazioni basata sulla velocità della luce, e cioè

Testo coperto da Copyright ©